Guida pratico-teorica per affrontare la commessa stronza

In uno dei nostri mensili preferiti questo mese si parla di stronze. Si, stronze: colleghe, ex amiche cannibali diventate amiche dei nostri amici e che non ci invitano alle loro uscite e un altro paio di esemplari con cui quasi tutte abbiamo avuto a che fare nella nostra vita. Eppure c’è un tipo di stronza con cui sicuramente tutte abbiamo avuto a che fare almeno una volta: la commessa stronza.

"Non credo che le possa stare bene..."

Della commessa stronza, specie che si annida nei nostri luoghi di elezione, i negozi, ci parla la nostra nuova Razor Cugina Naike Valeriano (trovate una sua breve descrizione qui) una che di moda, e quindi di commesse, se ne intende!

Ecco a voi un approccio teorico e pratico alla commessa stronza.

“Il caldo impazza e la necessità di mettere su vestitini più leggeri si fa sempre più forte. Così un paio di giorni fa ho deciso di entrare in un negozietto di abitini (tanto per aggiungere un altro pezzo al mio guardaroba estivo che campeggia su di uno stand – non ho ancora un armadio), dove mi sono imbattuta nella commessa più stronza che mi sia mai capitato di incontrare.

Avete presente la commessa bionda che in Pretty Woman fa piangere Vivian a Rodeo Drive perché non la ritiene all’altezza di fare acquisti nel suo negozio? Stesso caso, solo che al posto di Julia Roberts c’ero io e  mi trovavo sulla Tiburtina e non a Rodeo Drive. Ah, e non sono neanche una passeggiatrice.

Ora, è cosa risaputa che al mondo esistano commesse stronze. La commessa stronza si può trovare ovunque: in profumeria, al supermercato, dal fioraio, ma è soprattutto nei negozi di abbigliamento, che tende ad annidarsi. Le stronze di quest’ultima schiatta possono, in alcuni casi, realmente minare l’autostima già pari a zero di una donzella, in special modo se detta donzella è in fase premestruale come me in questi giorni.

Il fattaccio si è svolto in circa trenta minuti ed è stato raccapricciante, poiché la commessa in questione ha osato palesare che il vestitino che volevo provare non fosse adatto a me. Una vera stratega, voto 10. Qui, col fumo che mi usciva da naso e orecchie, stanca  di cercare rifugio nelle librerie o peggio ancora nel cibo, perché a volte le commesse dei negozi di abbigliamento mi trattano male,  ho deciso di diventare stronza anche io e di provare non uno, ma tre vestiti, identici, in tre colori diversi. In tempi non sospetti mi sarei consolata con un milk shake al cioccolato!

La lotta all’ultimo vestitino ha richiesto che battibeccassimo un po’, a bassa voce, sfoggiando qua e là sorrisini falsi e scambiandoci sguardi mefistofelici. Io tenevo i vestiti dall’appendiabito e lei li tirava dal lato opposto perché rifiutava di farmeli misurare. “Dia qui” . “Ma sono uguali e comunque è inutile!”. L’avrei strangolata, no credendo nemmeno io a ciò che stava accadendo.

Quante volte ci è capitato di trovare una stronza così? E quante volte ci è capitato di pensare “se fossi io mi comporterei diversamente” o “potrei vendere anche il ghiaccio agli eschimesi”?

Vuoi vedere che me li provo tutti, tutti?

Conscia che esistano anche addette alla vendita brave e professionali, ma pur tuttavia fresca di scontro, a pochi giorni dall’arrivo del ciclo (sul depresso andante) e last but not least, cliente esperta (o perlomeno convinta di esserlo) di psicologia della vendita, questa mattina ho deciso che avrei scritto una mini-guida per far fronte a questa piaga che, di tanto in tanto mi affligge in quanto amante dello shopping.  Chissà che non torni utile ad altre malcapitate.

Sono pochi, gli accorgimenti utili per riconoscere una commessa stronza. Ecco qui quattro piccoli step:

1) Entri in un negozio e lei quasi quasi neanche ti saluta. Sta con le braccia dietro la schiena e si aggira per il negozio con fare sospettoso. Attenzione, potrebbe essere lei.

2) Ti appropinqui ai vestitini e in men che non si dica te la ritrovi col fiato sul collo. Si dice siano dotate di propulsori speciali che si attivano non appena tu, cliente, sfiori un capo. Ti chiede due o tre volte di seguito: “Le serve qualcosa?” oppure: “Visto qualcosa?” e tu rispondi con la coda tra le gambe: “no grazie, do solo un’occhiata”.

3)Ti trattieni qualche minuto su di un capo e lei ti fa i raggi x, ma non ti incoraggia a provarlo perché tu, non le sei simpatica. Così vai al prossimo.

4) A questo punto ti compare una X rossa e gigante sul corpo: lei ti ha schedata. Quindi hai due opzioni: puoi andare via gambe in spalla, oppure rimanere ancora e cercare qualcosa di interessante da misurare, anche se a quel punto ti è già passata la voglia di fare acquisti.

Se scegli la prima opzione, non preoccuparti, magari la prossima volta riuscirai ad affrontarla, la stronza (magari leggendo questa mini-guida). Nel secondo caso, invece, sei una battagliera e hai appena deciso di scendere in trincea. In soldoni: diventi stronza anche tu, e che soddisfazione!

La rivincita Sulle Stronze

Ecco come: inutile dire che i vestitini (li indossavo meravigliosamente, tie’ ), dopo averli provati ed essermi intrattenuta nel camerino più del normale – orologio alla mano mentre lei, fuori, misurava il pavimento a grandi falcate –  non li ho presi punto. Si chiama dispetto. Soffrirò anche di sindrome premestruale, mi sentirò bruttissima, gonfia, pallida, opaca come un merluzzo al vapore, avrò bisogno di mille conferme per pompare il mio ego. Ma giammai, permetterò a una stronza di mettermi i piedi in testa. In più, la miglior vendetta verso la commessa stronza credo consista nel cercare altrove ciò che lei non è capace di vendere. Il peggio è il suo. E poi, le vie dello shopping sono infinite…”

(Naike Valeriano)

Into the wild – un giro per saldi

Saldi

Saldi

“Il buio nelle nostre teste ha questa forma qui”

Prismodel, dopo 4 ore e mezza di centro commerciale.

Il Centro è sconfinato, bianco, luccicante, brulicante, aperto da una settimana. Oro, incenso e gelati spiaccicati sul marmo. Al secondo giorno di Saldi, salire la prima rampa di scale mobili in direzione delle orde consumatrici provoca un misto di terrore e gioia.

Bisogna stringere i denti e rasoiare con decisione, o nessuno uscirà vivo di qui. A stomaco vuoto l’impresa è persa in partenza ma, come nella giungla, alle due e mezza del secondo giorno di saldi conviene dimenticare i gusti personali e mangiare quello che ci si riesce a procacciare. L’ultimo pezzo di pizza, un tramezzino sopravvissuto, una ciotola di insalata snobbata dal popolo dei fast food.

Rifocillate, si parte col coltello tra i denti. La gente non ha soldi, le vendite calano ma si sono comunque dati tutti appuntamento qui, fregandosene alla grande del pranzo domenicale in famiglia. Si superano senza battere ciglio:

  • i bambini, prima urlanti poi addormentati dentro ai carrelli della spesa (ne ho visti 3!)
  • le ragazzine rovinate da Laguna Beach, incapaci di provarsi una maglietta senza posare di 3/4 con le labbra socchiuse
  • i mariti e fidanzati che sperano in una morte rapida

Dopo almeno 20 gironi dell’inferno, ops, negozi, il numero di buste che stringiamo in mano è sufficiente e le energie scemano. Potremmo prednere un redbull e vodka e ricominciare ma non ce regge la pompa manco per aprire la lattina. Purtroppo non esiste una guerra senza caduti ed è inevitabile rientrare a casa con:

  • almeno un acquisto della cateogria spiegami-perché-ho-preso-‘sta-cazzata
  • piedi in condizioni pietose
  • stato di confusione mentale medio-grave
  • l’eterna sensazione di non aver comprato l’unica cosa che ti serviva davvero, quindi…
  • …la certezza che tornerai

Il Rasoio ha detto sì

Ci piace. Approviamo. Servizi, beni di consumo e idee che meritano il bollino Razor.

The Movie Spoiler T-shirt

Per chi vuole sapere come finiscono i film ma non ha la pazienza di vederli o per chi non sopporta il troppo hype intorno ai colpi di scena finali, qualche nerd ha creato la maglietta ideale. Si può comprare qui.

ATTENZIONE, SPOLIER: se non volete sapere come finiscono i film, non leggete il contenuto dell’immagine.

movie spoiler t-shirt