Girl Crush #1: Nicki Minaj

Girl Crush vuol dire una cotta, non sessuale, per un’altra ragazza. La traduzione al femminile del bromance. In altre parole, una lista di ragazze per cui abbiamo un debole.

Nicki Minaj è letteralmente uno spettacolo.
Rapper, performer, arrangiatrice e produttrice, ha portato una ventata d’aria fresca nel mondo dell’hip hop non solo per l’essere donna, ma per l’aver introdotto qualcosa che il genere non vedeva da secoli: un minimo di autorionia e senso dell’umorismo.


Nicki ha diversi alter ego: Harajuku Barbie, bambola pseudo-giapponese, Roman Zolanski, adolescente gay e Nicki Teresa, guaritrice miracolosa. In altre parole, ha suggerito al mondo gangsta che una risata ogni tanto non fa male a nessuno.

Annunci

Hairspray!

Da un po’ di tempo, il successo di un artista nel mondo musicale indie-cool sembra essere strettamente legato alla quantità di lacca che usa.

Tutto cominciò con Amy Winehouse. La sua voce era già in giro da almeno un album, ma fu solo con la beehive che il mondo si accorse davvero di lei.

14933557-14933564-large

Quest’anno le novità per cui la stampa inglese grida al miracolo hanno qualcosa in comune. Sono giovani da far cadere le braccia (le mie di sicuro, ma è per l’età), brave, stilose da morire e le loro pettinature sono una dichiarazione d’intenti.

VV Brown, pop dal gusto anni ‘5o. Cryin’ Blood è il singolo da ascoltare su MySpace o Spotify. Il numero del parrucchiere non è reperito.

VVBrown276

IMG_3286 laroux

Elly Jackson, cantante dei La Roux, duo electro pop d’ispirazione 80/90. Da ascoltare: In for the Kill. Per il ciuffo rivolgersi all’Aeronautica.


Di questo passo la prossima rivelazione musicale sarà Chantal Biya, esplosiva first lady del Camerun. Abbiamo tutti molta paura.

Chantal con la noiossima Carla Bruni.

Chantal con la noiossima Carla Bruni.