Pelo e contropelo – le razor-recensioni in 3 passate

Tutta la vita davanti

di Paolo Virzì

1/pelo: Hanna Arendt è più precaria di Guendalina del GF

2/contropelo: le canzoni ci parlano

3/dopobarba: amaro e poetico. 4 rasoi su 5

 

Juno

di Jason Reitman

1/pelo: la poetica indie/nerd spiegata al resto del mondo

2/contropelo: Ferrara falla finita

3/dopobarba: surreale e divertente. 3 rasoi su 5

 

La Zona

di Rodrigo Pià

1/pelo: gli zombie siamo noi

2/contropelo: abbiate paura di chi ha paura

3/dopobarba: intenso e disturbante. 3 rasoi su 5

 

Amore, bugie e calcetto

di Luca Lucini

1/pelo: sottotitolo: famiglie, ragazzini e rimbambiti

2/contropelo: tutta la noia dell’Italia

3/dopobarba: banale e si ride poco. 1 rasoio su 5