Il sesso debole (quello orale)

Eh lo so gente, tocca riparlare di pompini. Non vorremmo sembrare monotematiche (vedi post qui sotto) ma che fare quando nel giro di pochi giorni due notizie attraggono la nostra attenzione e, guarda un po’, parlano di pompini? Prima di tutto l’affermazione di  Heidi Klum riportata oggi sul Messaggero. Su Allure Heidi ha rivelato: “Sul sesso ho imparato molto dagli amici gay. Sono un caleidoscopio di pensieri e opinioni interessanti. Ti insegnano tante cose utili sugli uomini”. A lei ad esempio avrebbero insegnato tutte le tecniche per un gran rapporto orale. Tanto da far dire a Heidi che Seal (l’ex marito n.d.r.) “è stato un uomo fortunato”.

Heidi è una donna di mondo e incarna quel pensiero illuminante che ultimamente sembra cogliere sempre più tutte noi: “Chi può sapere meglio di un gay come far godere con il sesso orale un altro uomo?”. E poi, subito dopo:” Hey! Aspetta un attimo ma io ho un sacco di amici gay!”. O forse sono gli stessi amici a vantarsi (attività tipicamente maschile) di essere i più bravi nel ramo. Com’è, come non è fatto sta che sempre più donne chiedono trucchetti e dritte ai gay, con una certa soddisfazione reciproca.

Però ferme tutte, prima di farvi prendere dalla smania di telefonare al vostro miglior amico arriva la seconda notizia a tema: una vera e propria disfida all’ultimo, ehm, pompino tra una ragazza e un gay. E, indovinate un po’, vince la ragazza. L’articolo, invero piuttosto divertente, è qui.

Insomma, chi la sa più lunga sui pompini? Non so se la ragazza abbia portato a casa la vittoria anche grazie a qualche omo-consiglio però mi pare di capire che, come in tutte le faccende sessuali, la tecnica senza un tocco di sensualità e di reale divertimento (femminile o maschile) sia niente.

Morale: donne, un po’ di know-how aiuta ma chi fa da sé fa per tre (wow!).

Ora smentiteci o, almeno, insegnateci tante cosette nuove.

La foto è tratta da Seventies Blow Job Faces. Enjoy.

Cialtroni Sentimentali: una Tipologia Ragionata.

Dall’8 settembre è in libreria un simpatico manualetto dal titolo Trattali Male (Piemme). L’autore è l’inglese (ma greco di origine) Gerry Stergiopolous. Gerry è un ex inquilino della Casa del Grande Fratello versione Brit ed è gay, il che spiega anche il funzionale titolo originale del libro (Trattali male e mantienili arrapati).
Sinteticamente il messaggio del libro è che ogni donna dovrebbe avere un amico gay, banalmente l’unico che ha il coraggio di dirti che quel vestito ti sta proprio da schifo ma anche l’unico ad essere uomo, spia oltre cortina, “che raccoglie informazioni e poi le dispensa alle donne”, come egli stesso afferma dalle pagine di Vanity Fair (n. 37, 16/09/09).
Lo slogan di Gerry è “Se dietro ogni grande uomo c’è una grande donna, dietro ogni grande donna c’è un amico gay”.
E questo mi ha fatto molto riflettere. Perché per quanto un amico gay sia utile, e io lo so molto bene, credo anche che esista una spiegazione molto più semplice: dietro una grande donna ci sia una grande esperienza maturata da altrettanto grandi fallimenti (sentimentali).
E così ho fatto un po’ di mente locale e ho tirato fuori una prima tipologia ragionata di cialtroni sentimentali…
Ogni altro suggerimento è ben accetto. Per ora i tipi sono tre:

L’“alternativo”: ha i capelli gialli, è alto e dinoccolato e indossa rigorosamente magliette al contrario e jeans oversize che sembrano usciti dall’officina di un meccanico. Per conquistarlo hai dovuto bere direttamente da una bottiglia di Jack Daniel’s che passa di mano in mano, peggio di bocca in bocca, durante la Festa della Semina e del Raccolto. Il suo anticonformismo ostentato e il disinteresse che dimostra verso qualunque attività produttiva, inclusa la spesa al supermercato, è direttamente proporzionale al conto in banca dei genitori. L’unica cosa positiva dell’alternativo è che, coerentemente alla sua lotta perenne-adolescenziale contro le convenzioni della società civile, non fa una piega se non ci siamo depilate le gambe…

La “prima donna”: la prima volta che ci parlate non vi fa aprire bocca e qualcosa vi dice che non avrete mai l’ultima parola (e manco la prima). Fidatevi del vostro istinto! Nonostante egli sappia irretirvi con il suo savoir faire e le sue capacità da vero mattatore. In mezzo ai suoi amici è brillante e istrionico ma probabilmente dotato di scarsissima autoironia e pronto ad andare in crisi al primo raffreddore del suo personal trainer. Un classico del cocainomane, di quelli che portano il colletto della polo alzato, di quelli che vi dicono “Sei fantastica”. Uhm…

L’“impenetrabile”: occhi languidi, meglio se verdi, e naso aquilino, gran parte del suo fascino dipende dall’essere immerso perennemente nei suoi pensieri, cosa che stuzzica il Sondaggista che alberga in ciascuna di noi. L’impenetrabile è affascinante come un vuoto d’aria ed è molto probabile che sia l’unico caso in cui alla domanda “a che stai pensando” la risposta “a niente” corrisponda a verità, soprattutto se la domanda è ripetuta nel silenzio dell’abitacolo di un’auto, in mezzo ai cespugli, dietro alle dune dei Cancelli di Ostia, per la cinquantesima volta. L’impenetrabile è tipicamente un programmatore, un geometra o un surfista in acido…

Cosa direbbe l’amico gay?

Mia Regina, in genere diffidare dagli uomini che non fanno una piega se non ti sei depilata le gambe! Lo sai che stanno puntando direttamente e spasmodicamente ad altro e che non dormiranno mai con le gambe intrecciate alle tue!
Tesoro! Quello ti scaricherà appena troverà qualcuna che si intona meglio ai suoi mocassini!!!
Ma almeno… Tra un silenzio e l’altro, ci ha dato dentrooooo?

0475-Sovra.indd

Non proprio una velina

Rachel Maddow

Gli unici accessori che le vedremo addosso.

La persona nella foto è la nuova star del giornalismo politico-liberal-intelligente-ma-d’intrattenimento della tv americana.

La persona nella foto è una donna. La giornalista Rachel Maddow definisce se stessa con alcune frasi a dir poco autoironiche:

“un volto perfetto per la radio” o, per chiarire subito, “una lesbicona che sembra un uomo”. Infatti la Maddow è la prima anchorwoman apertamente gay ad aver mai avuto una trasmissione in prima serata negli USA. E sta spaccando il sedere ai passeri (con o senza doppi sensi).

Argomenti Pelosi/ragionare con i piedi

Gli uomini liquidano i nostri acquisti di scarpe con le parole “follia” e “stupidità”. In realtà l’argomento è molto più “peloso” e troppi fattori ci spingono a varcare le porte dei negozi di scarpe più costosi. Solitamente, più è pesante la motivazione che ci spinge dentro il negozio, tanto più è leggero il portafoglio all’uscita. Un paio di scarpe non è solo un paio di scarpe, non è solo la necessità di calzare il piede o l’acquisto obbligatorio in vista di una cerimonia chic. E’ una Scelta che, nella cattività in cui spesso ci troviamo per autolesionismo, ci regala un brivido di edonistica trasgressione a regole che mal sopportiamo. La frustrazione e per assurdo, la miserabile capacità di spesa in cui siamo ridotte in questo paese, ci spingono a voler comunque possedere qualcosa che ci renda felici e non parlo certo di un paio di Nero Giardini. E’ l’infelicità a provocare gli acquisti, solo in apparenza, folli: nessuna miseria tiene troppo lontana una donna dalle scarpe desiderate. “Cosa sono i milioni quando in cambio ti danno le scarpe”, cantava Elio in una canzone intitolata La follia della donna, manco a dirlo.

La verità è che siamo tutte terribilmente più voraci di scarpe in concomitanza ai cambiamenti della nostra vita, spesso legati alla fine di un rapporto e mescolati ad altri fastidi sociali. Se infatti sei una disgraziata con uno stipendio di 1.000 euro, costretta a fare la bambocciante a casa dei tuoi e ti sei lasciata con un fidanzato più infestante dell’edera, adesso puoi però permetterti di spendere i tuoi pochi soldi in modo più simpatico che in visite ginecologiche, ovuli, candelette e pomate antibiotiche.

Se ti senti inadeguata, è una reazione “normale” e per fortuna, passeggera. Probabile anche che tu ti senta un cesso. Magari lo sei pure, dopo tutti quegli antimicotici. Hai urgenza di un sogno immediato e abbordabile. Non puoi però permetterti una crociera o un vacanza a New York di 15 giorni e nemmeno una settimana in una spa. Ma una gratificazione te la meriti e la devi avere, ad ogni costo. Che non superi l’ammontare di tutte le pause pranzo che salterai questo mese. Se poi come per magia alla fine di una tetra giornata di lavoro, ti ritrovi davanti a una vetrina di scarpe e dopo 5 minuti sei alleggerita di 250 euro, non è un dramma. Capita a tutte. In fondo, dopo la preventiva analisi di comparazione economica fra sogni, i 250 euro sono i meglio spesi, per un sogno che cammina con te, a 12 cm. da terra, come l’altezza del tuo volo pindarico.

Ecco spiegato (ai maschi) l’arcano della presunta irrazionalità e stupidità che si cela dietro gli acquisti sfrenati di scarpe da parte delle donne. In realtà dietro c’è tutto un ragionamento, quindi una forma di razionalità, che è il mantenimento della propria integrità psicofisica. E’ il ritorno a volersi bene, a prendersi cura di sé. E’ un sogno che si concretizza con la fatidica frase: “Sì, le prendo!” che per una donna, nello stato delle donne oggi, è il sì più importante pronunciato nella vita. In verità, un sì pronunciato molte volte, che rimpiazza il ciclo obsoleto del “Sì! Lo voglio!” plurimo, che un tempo illudeva le donne di sentirsi complete. Gli stilisti lo sanno. Ma loro per la maggior parte sono gay, quindi non ci possono infestare, se non felicemente, di scarpe.