I gadget del potere

Non c’è limite all’ingiustizia nella nostra società. I capi di stato del G20, presenti al summit che sta per accadere a Londra, oltre a essere quelli che comandano le sorti del pianeta a fine lavori riceveranno una goodie bag, una busta di gadget tipo bomboniera a un matrimonio.

Gordon Brown ha preparato per ciascuno alcuni esempi del migliore e più classico made in England. Oltre a una tovaglietta da té in lino dell’Ulster e alcuni cioccolatini Rococo, ogni pezzo grosso avrà una cravatta esclusiva confezionata da uno dei migliori sarti di Savile Row: Ozwald Boateng, Timothy Everest o Richard James.

Qui si presenta l’ulteriore ingiustizia. E Angela Merkel? Eh? Che se ne fa Angela Merkel di una cravatta?  All’età sua, col lavoro che fa, vi aspettate che dia al suo look una svolta lesbian-chic? Bastardi maschilisti.

Il sarto Oswald Boateng sarà stato scelto per il talento o per il politically correct?

Il sarto Oswald Boateng sarà stato scelto per il talento o per il politically correct?