10 cose che non sapevate sull’orgasmo

Si intitola così l’intervento di Mary Roach, autrice di “Godere” (Einaudi), alla conferenza TED del 2009.

Un intervento brillante e ricco di humour che prende spunto da vari  e più o meno oscuri studi scientifici sull’orgasmo. Insomma la Roach in azione è una conferenziera irresistibile che sa ben ritrarre la difficoltà che la scienza ha incontrato nel capire i meccanismi di quel mistero chiamato orgasmo. Considerate, ad esempio, che un orgasmo è inducibile anche bei cadaveri e immaginate il resto.

Se l’intervento fosse stato fatto oggi probabilmente la scrittrice e divulgatrice statunitense avrebbe aggiunto un undicesima cosa, sebbene non sia poi così sconosciuta visto che la notizia ha fatto il giro del mondo. Ana Catarina Silvares Bezerra, contabile brasiliana 36enne, ha vinto la sua battaglia legale. Affetta da “sindrome da eccitazione genitale persistente” che la costringe a masturbarsi fino a 40 volte al giorno, la donna ha ottenuto dal tribunale di poter avere sul lavoro una pausa di 15 minuti ogni due ore per masturbarsi. Qui la news. La sentenza è shock anche perché riconosce l’esistenza della PSAD (Persistent sexual arousal disorder). Una cosa che a leggerla qualche tempo fa sarebbe sembrata una notizia a metà tra rarissimi casi medici e leggenda metropolitana. L’orgasmo, a volte, non è tutto questo divertimento.

http://www.beautifulagony.com (tanto per entrare nel "vivo" dell'argomento)

Annunci

Relazioni complicate: il gatto mi capisce meglio di te?

Andare al cinema a vedere film trash mangiando cibo trash non è mai una bella idea. Ieri sera ho mangiato galletto fritto, patate fritte e anelli di cipolla fritti e poi ho visto Il Rito film che ha per protagonista un seminarista che viene spedito a Roma per diventare esorcista. Le cose maggiormente degne di nota nel film sono, a mio parere, due: la tendenza americana a dipingere gli italiani come selvaggi metropolitani (modello scippo con il motorino) e il numero imprecisato di gatti presenti.

Ovviamente stanotte ho  avuto gli incubi e ho sognato tutta una serie di animali che tentavano di sedurmi. Mi sono svegliata confusa: il demonio tentatore viene raffigurato come una capra, l’uomo definito un gallo (nel pollaio), il pene uccello e la vagina micia. Solo una cosa mi sembra chiara: deve esistere un legame tra regno animale e seduzione. Quindi stamattina, appena alzata, ho cercato notizie in merito e ne ho trovate due abbastanza fresche. La prima riguarda i gatti che, per rimanere in tema di diavolerie, erano già gli animali da compagnia preferiti dalle streghe.

 

E dai cani

Un gruppo di ricercatori dell’ Università di Vienna, guidati dal Dott. Kurt Kotrschal della Konrad Lorenz Research Station, ha video-documentato e analizzato il comportamento di 41 coppie gatto (maschi e femmine) – padrone (uomini e donne) per un periodo di tempo piuttosto lungo. Dall’osservazione e lo studio di questi comportamenti è emerso che, sebbene i gatti siano ben disposti verso il contatto sociale in generale, la preferenza per le donne è netta ovvero l’emissione di fusa o miagolii è tre volte maggiore che verso gli  uomini. L’articolo intero (per chi fosse interessato) è qui.

La cosa simpatica è che il gatto metterebbe in atto tutta una serie di tecniche di seduzione. Gatto e padrona sviluppano infatti “una serie di complessi rituali” secondo quanto si legge nello studio, “che prevedono la comprensione dei bisogni e delle inclinazioni reciproche”: ciò vuol dire che il gatto impara a conoscere e capire la sua padrona, e questo gli consente in alcune occasioni di persuaderla per i suoi scopi. Diavolo di un gatto!

La seconda notizia riguarda invece il rapporto tra cani e uomini. Come si suol dire, “Il cane è il migliore amico dell’uomo” (in questo blog si riconosce alla frase una valenza universale ma per i nostri biechi scopi rasoiamo tutta l’altra metà del cielo) ma a quanto pare “l’uomo è il miglior amico del cane” e per un motivo preciso: nel corso dei secoli Egli (l’uomo) ha tentato di sfruttare il secondo animale domestico per eccellenza (il primo è il maiale, non lo sapevate?) per sedurre le donne.

Aveva provato a sostituirlo prima con una clava, poi con una macchina di grossa cilindrata e, ultimamente, con l’I-phone ma, a quanto pare, secondo un sondaggio, svolto dal sito statunitense Retrevo.com su un campione di 1.000 donne, solo il 36% rimane colpito da un uomo “tecnologico” mentre la maggior parte trova più interessante un uomo che porta a spasso un cane.

Diciamo pure che la lettura di queste notizie non ha dissipato molto la mia confusione iniziale, anzi mi lascia con dei quesiti che rivolgiamo anche a voi.

È possibile che dalla ricerca sui gatti di cui sopra emerga finalmente la prova empirica indiretta che l’essere umano di sesso maschile (non ce ne vogliate, vi accettiamo lo stesso, con tutti i vostri limiti) sia meno capace persino del gatto di instaurare con una donna tutta quella “serie di complessi rituali che prevedono la comprensione dei bisogni e delle inclinazioni reciproche” (cit.) o che abbia bisogno di un cane per farlo?

Ma se così è, dobbiamo aspettarci un’invasione di uomini che portano a spasso cani? Ciò vuol dire che dobbiamo aspettarci un incremento del numero di cacche che dimorano indisturbate sui nostri marciapiede e che rischiamo di calpestare con i nostri sandali preferiti? O, nella migliore delle ipotesi, portarci a casa un uomo pieno di peli, che puzza di cane e che prima o poi ci chiederà di portare la dolce creatura a fare pipì la mattina presto o la notte tardi con qualunque clima e temperatura?

No, grazie.

Sarà per questo che La Santa Inquisizione ha messo al rogo migliaia di streghe insieme ai loro poveri mici: erano solo donne che si rifiutavano di portare a spasso un cane.

 

Sex and the Holidays

Natale tempo di doni, di grandi abbuffate in famiglia e di lunghi pomeriggi di di digestione molesta davanti alla televisione. Per molti dare mano al portafogli, ingrassare di dieci chili in dieci giorni e trascorrere il pomeriggio accanto al nonno che russa non èuna prospettiva allettante.

Per fortuna, esistono i guru delle riviste For Men only, “la risposta maschile al mondo delle riviste dedicate al pubblico femminile” (così chiosa il direttore di Men’s Health), che ci accorrono in aiuto con i loro “preziosi” consigli.

Cari signori, se avete sbagliato il regalo all’amata sappiate che secondo un sondaggio americano il 68% delle donne baratterebbe volentieri il regalo di Natale con del buon sesso, a patto che non si tratti del solito missionario. Quindi siete dispensati dal regalo ma non dall’esercizio più difficile: la fantasia (cosa che non ha niente a che fare con il cambiare il colore del solito completino intimo).

In ogni caso MAX vi corre in aiuto proponendovi la top five (qui) delle posizioni del sesso di Natale. Le più interessanti, alle quali ho dato una rivisitatina, sono a mio parere quelle  denominate  Jingle balls e Silent night.
Per la prima posizione bisogna essere ovviamente dotati di palle: anche perché essa richiede che vi addobbiate come un albero di Natale con la complicità della vostra amata. Anche la vostra amata dovrà essere dotata di palle, quel tanto che basta per non scoppiare a ridere di fronte al dubbio su dove posizionare il puntale.  La seconda più che una posizione sembra  una sfida: confinati nella vostra ex cameretta a casa dei vostri genitori solo un muro vi separa dalla stanza del nonno e da quella del vostro fratellino: dovete fare meno casino possibile, magari tappandovi la bocca con una fetta di pandoro e allontanando il letto dal muro.

Nelle colonne di Men’s Healt (qui) troviamo invece altri consigli sotto il titolo “Sexy Christmas: in 6 mosse il piano perfetto per fare sesso prima del cenone a casa dei suoceri“.

L’assunto da cui parte l’articolo è che il cenone a casa dei suoceri può (ed è, diciamocelo) essere un vero supplizio e che una buona dose di sesso improvvisato può esserne un gradevole antidoto.

I consigli profusi da Men’s Healt variano dalla location adatta (cantina del nonno o mansarda) all’alibi, quello più banale, chiudersi in stanza per impacchettare i doni. L’abbigliamento gioca un ruolo direi preponderante nella faccenda: vestirsi in modo agile, niente orpelli e niente jeans skinny rimuovibili solo previa operazione chirurgica.

E tuttavia, a mio parere, sebbene l’articolo sia utile nel suggerire una sana strategia anti-noia esso non è privo di controindicazioni: fare sesso prima del cenone fa raddoppiare l’appetito, mentre farlo dopo, senza iperbolici trucchetti e ansie varie non solo rilassa ma in teoria, dovrebbe fare smaltire le chilocalorie assunte.

Eppure, qualche cosa di vicino alla realtà pare esserci in tutto questo fiorire di consigli e strategie di sesso natalizio. E come sempre sono andata a documentarmi.

I ricercatori Gabriele Doblhammer, Joseph Lee Rodgers e  Roland Rau  del Max Planck Institute for Demographic Research hanno studiato a lungo la “stagionalità” delle nascite in un lungo periodo di tempo (in Austria) e stanno cercando di dare vita ad Teoria unificata andamento stagionale della riproduzione umana (l’articolo intero qui).

Senti senti da questo studio emerge chiaramente come le vacanze, ed  in particolare il periodo che va da Natale a Capodanno siano una “causa” dell’ andamento stagionale della riproduzione umana nel senso che si hanno alcuni picchi delle nascite in settembre che sono collegati al boom dei concepimenti proprio nel periodo natalizio, portando all’ipotesi sempre più probabile che una maggiore attività sessuale occorra proprio nel periodo Natalizio.

 

 

 

 

 

Sarà perché a natale siamo tutti più b(u)oni? Sarà che ci sono tutte quelle palle in giro? Sarà che non si può festeggiare qualcuno che è stato concepito senza fare sesso e c’è bisongo che ciò venga dimostrato con perseveranza e abnegazione degna di veri scienziati? Non so, voi che idea avete?

(Simona)

Fantasie culinarie

Secondo una ricerca commissionata dal Re del tortellino Giovanni Rana (di cui purtroppo ho trovato solo notizie in rete, vedi qui per esempio ) svolta intervistando un campione di 3000 individui, un uomo su dieci si dichiara disposto a lasciare la propria compagna/fidanzata se questa si rivela incapace di cucinare dando valore “scientifico” ad una crudele realtà: cucinare è ancora considerato un modo per fare breccia nel cuore del nostro bene amato.

Un altro interessante risultato della ricerca di mercato in questione sarebbe che il 50% degli uomini e il 45% delle donne credono fermamente che una romantica cenetta a casa sia meglio che una cena fuori. E qui non voglio insinuare che la differenza percentuale sia dovuta alla spilorceria degli uni e alla strategia di evitamento di una giornate a sfornellare dell’altra.

E tuttavia, la mia sete insaziabile di statistiche e sondaggi improbabili mi ha portato a scoprire che il signore e padrone del tortello ha commissionato un’altra ricerca di mercato per il lancio dei tortelli freschi al cioccolato (questa volta commissionato ad Ispo) in cui si indagava il rapporto tra dolce e salato nella vita di coppia e in cucina. Le differenze di genere in merito evidenziano con estrema originalità che “le donne (43%) appaiono un po’ più inclini alla ricerca della dolcezza nella vita di coppia  mentre l’uomo è il più “hot”, mostrando più entusiasmo a favore del piccante nella relazione amorosa (28%)”.

Bene a questo punto la ricerca si chiede cosa accomuni i due sessi e la risposta viene fornita in termini di immaginazione: alcuni tipi di sapore sono maggiormente legati all’immaginario maschile (come la pasta) mentre altri all’immaginario femminile (come il cioccolato).

Ebbene. Recentissima è la notizia (la solita ricerca si!) di  uno  studio della Carnegie Mellon University, pubblicato su Science, il quale sostiene che pensare intensamente un cibo (immaginarne consistenza, profumo e sapore), può bastare per raggiungere un senso di sazietà e, quindi, ridurre il desiderio di quel particolare cibo. Cosa che farà felici le donne che (come rileva Rana) sono ossessionate dal cioccolato.

Sintetizzando al massimo i risultati della ricerca (chi ha desiderio può leggere l’articolo qui) di Carey Morewedge, lo psicologo sperimentale che ha condotto lo studio, in poche parole per sentirsi sazi non serve ingozzarsi di cibo né sopprimere il desiderio di cibo, bensì usare l’immaginazione.

Una scoperta rivoluzionaria  che pone fine al “residuo” maschilista (un uomo su dieci!) che vuole la donna ai fornelli, pena l’abbandono. La prossima volta che non vi va di cucinare apparecchiate di tutto punto, fatelo sedere e inducetelo ad immaginare qualche piatto succulento. Che poi si sa… Una fantasia tira l’altra.

Cervello in fuga.

Noi Razor Sisters lo avevamo già intuito ma adesso arriva la prova “scientifica” della necessità del nostro approccio alle questioni della vita (per un ripassino leggere qui) e da qui quella di seguire fedelmente questo blog. Modestamente.

Una ricerca di due psicologi dell’Università di Harvard, Matthew Killingsworth e Daniel Gilbert, sembra mostrare che si sta meglio quando si pensa a ciò che si sta facendo, o vivendo, rispetto a quando si vaga con la mente (infatti il fenomeno si chiama Mind Wandering). Fantasticare, un’attività che facciamo molto spesso, ci causerebbe più tristezza che felicità. A differenza degli altri animali, gli esseri umani passano molto tempo a pensare a che cosa non va attorno a loro, riflettendo sugli eventi avvenuti in passato e su quelli che potrebbero avvenire in futuro, o potrebbero non verificarsi mai: in poche parole ci facciamo le “seghe mentali” (una sega mentale è un pensiero che non ha attinenza alla realtà).

Ho cercato di trovare notizie in rete sulla incidenza delle differenze di genere in questo studio ma ahimè, in mancanza del documento originale (che in ogni caso chi fosse interessato può recuperare qui), non sono riuscita a trovare informazioni. E tuttavia mi sono imbattuta in un’altra notizia interessante.

Di recente, in un’altra ricerca (qui), la Dottoressa Adrianna Mendrek, ricercatrice canadese dell’università di Montreal, sostiene di avere le prove scientifiche che il cervello maschile riesca a riposare meglio di quello femminile: in parole povere, gli uomini riescono meglio delle donne a non pensare a nulla.

Risolto contemporaneamente il mistero assoluto che vuole che, in qualunque situazione ci troviamo, qualunque esemplare di maschio abbiamo vicino, qualunque domanda gli facciamo LORO hanno spesso lo sguardo assente. Cosa che ci induce a porre la fatidica domanda: a cosa stai pensando?

Bene, adesso sappiamo che la risposta a niente corrisponde a verità*.

 

 

*Ok, questo blog è un blog spiritoso e tagliente di default, ci piace ironizzare ma abbiamo anche la cieca fiducia nell’onestà  e nella completezza dell’informazione. A questo proposito c’è da dire che la ricerca della Dott.ssa Mendrek era focalizzata sui risultati diagnostici di un gruppo di pazienti affetti da schizofrenia per confrontare la loro attività cerebrale in stato di riposo e di attività: i risultati evidenziano come mentre il cervello maschile era in completo relax, quello delle donne era impegnato a pensare alle esercitazioni future.  Per ottenere una convalida sicura della scoperta, la dott.ssa Adrianna Mendrek sottolinea l’importanza di un test similare eseguito su persone sane.

Perché non ti piace il lunedì? Te lo dice Facebook.

C’è una famosa canzone di Bob Geldof, o meglio del suo ex gruppo i Boomtown Rats, che si intitola Il lunedì non mi piace (ascoltala qui mentre leggi) e non c’è che dire, il lunedì è notoriamente un giorno del cavolo perché viene esattamente dopo il week end e uno rosica: si torna scuola se si va a scuola, o al lavoro se si lavora ed è come un reiterato piccolo inizio dell’anno che ti costringe a fare buoni propositi per la settimana nuova che, come spesso accade, saranno disattesi.  Del resto anche la più grossa crisi dell’economia mondiale, il vero spauracchio di ogni crisi contemporanea, è ricordato e passato alla storia come “black monday”, il “lunedì nero” della borsa americana (28 ottobre 1929).

Adesso  abbiamo un altro buon motivo per temere il lunedì e come ogni fatto che si rispetti da qualche tempo a questa parte ce lo dice Facebook o meglio il giornalista/scrittore/grafico David McCandless (qui il suo sito) che, specializzato in rielaborazione visiva di dati, ha analizzato oltre 10mila status di Facebook contenenti le parole “rottura” e “rotto” e ha emesso il suo responso.

Questo è il grafico:

I Risultati come si può notare sono raggruppabili nel seguente modo:

  • Un picco di rotture si ha nel periodo che precede la Pasqua (picco il 21 marzo) simpaticamente individuato con l’espressione “pulizie di primavera”.
  • La maggior parte delle rotture avviene di lunedì ed ecco perché lo odieremo più che mai.
  • Con grande arguzia la maggior parte delle persone preferisce passare allo stato di single prima delle vacanze estive.
  • Un altro picco molto alto (10 dicembre) è registrato appena prima del Natale (in tempi di crisi si risparmia sui regali?)…
  • … mentre il giorno in cui ci si molla di meno è proprio il giorno di Natale (Grazie e Dio).

Non finiremo mai di stupirci di quanto facebook sia entrato ormai nelle nostre vite e di quanto possa mostrarci qualcosa sul comportamento sociale. Viviamo ormai nel mondo 2.0 e qualcosa di interessante se ne può ricavare. Comunque ormai oltre al calendario gregoriano e a quello lunare, ricordiamoci il calendario di facebook: potrebbe essere utile per calcolare le “date a rischio” e smettere di prendere la pillola.

Un amore dell’altro mondo*

Ci sono almeno due cose che, secondo me, accomunano i single alla ricerca del grande Amore. La prima è incappare in relazioni usa e getta. La seconda è rifugiarsi nell’irrazionale per trovare qualche tipo di giustificazione ad un destino che riteniamo inspiegabile.

Simona invasa e atterrita dall'invasione

Nel primo caso, per la legge dei grandi numeri, si sa che più si cerca, più sono alte le probabilità di incappare in relazioni destinate a fallire (per la stessa legge, sarebbe molto più facile trovare casa a Pechino). Nel secondo caso ci si mette a spulciare oroscopi, si fanno test di affinità in base al nome o in base alla data di nascita, ci si affida a formule matematiche confidando nel potere di qualcosa di cui abbiamo un timore reverenziale, un po’ come facevano i greci con gli oracoli.

Suppongo che questo tipo di atteggiamento fatalista sia forse quello che deve aver mosso un giovane economista dell’Università di Warwick, Peter Backus, a convertire l’equazione di Drake, l’astronomo che nel 1961 tentò di stimare il numero di civilità extraterrestri evolute nella nostra galassia con le quali avremmo potuto entrare in contatto, in una formula per trovare il partner ideale.

Così come quando consultiamo un oroscopo in cerca di segni e segnali, il ragazzo ha cercato nelle incognite astrali il motivo del suo celibato. La formula, abbastanza complicata (almeno per me) tiene conto di una serie di variabili quali la popolazione del paese in cui si vive, la percentuale di uomini o donne (nel caso in cui la formula sia volta alla ricerca di un uomo o di una donna) sulla popolazione generale, la percentuale di uomini/donne che vivono nella propria città (se non si vuole una relazione a distanza), la percentuale di uomini/donne che vivono nella propria città e hanno l’età desiderata e un altro paio di parametri (tipo il livello di istruzione desiderata o l’aspetto gradevole, se vi interessa).

L’originale formula di Drake fece stimare allo scienziato l’eventuale esistenza di diecimila forme extraterrestri con le quali entrare in contatto. I calcoli fatti dagli astronomi ci dicono che nel Cosmo ci sono tra 200 miliardi e 400 miliardi di stelle e che in questo modo incappare in un alieno è fantascienza pura. E tuttavia, la conversione della formula ha portato fortuna a Peter che, nel giro di qualche mese, ha trovato la fidanzata che cercava.

Ci ho riflettuto parecchio su questa cosa e ho tratto, come al solito, la più semplice delle conclusioni possibili: Peter deve avere incontrato un alieno. Così si spiegherebbe anche la crescente difficoltà dei single a trovare un soggetto umano e di incappare in relazioni fallimentari a piè sospinto: forse nell’emisfero occidentale è iniziata l’invasione degli ultracorpi. Meglio emigrare e trovare casa a Pechino.

*Grazie a Tommaso Pincio per il titolo che gli ho rubato.