Lo sapevate? Strategismo sentimentale. Su Rieducational Channel

Lo ammetto, sono davvero curiosa di conoscere e forse essere curata dallo “strategismo sentimentale che ha enormemente rallentato il cammino della civiltà”. Tutta colpa di questo spot televisivo che, pare, vada davvero in onda su La7 ma che io ho visto su Facebook (poi dicono che sia solo una perdita di tempo, guarda qua che chicca mi sarei persa).

Tra la presentazione accorata di Manuela Arcuri, la copertina del libro e l’accenno di trama non so veramente dove mettere le mani. Probabilmente lo spot si commenta da solo. Posso solo aggiungere che assomiglia e supera, seppur involontariamente (o forse proprio per questo), un grande momento di comicità italiana:

 

Aggiornamento: la recensione de Il Labirinto Femminile qui

Annunci

E dopo il Berlusconi operaio: ecco a voi il Berlusconi Don Draper.

Cosa accomuna il nuovo sogno erotico di milioni di donne del mondo occidentale e il nostro Primo Ministro? Di certo la pubblicità. Don Draper è il Direttore Creativo della più importante agenzia pubblicitaria newyorkese all’inizio degli anni ’60, la Sterling & Cooper, un posto immaginario dove ci insegnano come e dove sono nati tutti i nostri bisogni indotti.

Silvio Berlusconi è, a parte quello che sappiamo, il padre della Tv Commerciale degli anni ’80, con la quale siamo realmente cresciuti , fino ad indurre questo Paese a credere che materassi e una nuova coscienza politica fossero entrambi una questione di marketing.

Ma, siamo liete di annunciare, le similitudini non finiscono qui.

Per essere degli  efficaci cloni di Don Draper dovete essere bugiardi. In tutti i sensi, soprattutto sul lavoro dove è chiara la vostra abilità nel traghettare mellifluamente le opinioni avverse dalla vostra parte, con qualunque mezzo.

Il Don Draper è il top nel suo campo perché è tutta la vita che racconta balle tanto che recitare una “parte” è ormai “parte” di sé.  È questo il motivo per cui lavora nella pubblicità con ottimi risultati: pubblicizza sé stesso in fondo …

È fondamentale mentire con tutti, soprattutto con vostra moglie. Don ha dalla sua che vive negli anni ’60, ma è difficile che una moglie sopporti le scappatelle a lungo. Soprattutto se diventa un passatempo continuo o peggio, una dichiarata patologia.

Non vi ricorda qualcuno?

Se ancora avete qualche dubbio è lo stesso Don Draper a togliervelo, dopo aver visto (cliccare sul titolo —>) La guida di Don Draper per rimorchiare le donne:

Qui la traduzione (anche in immagini) dei saggi consigli di Don:

Step 1:
Se sei in dubbio, rimani assolutamente in silenzio.


Step 2:
Quando ti fanno domande sul passato fornisci risposte vaghe e con una libera interpretazione.

Step 3:
Abbi un nome favoloso!


Step 4:
Dimostrati fantastico con qualsiasi look, dì le cose giuste, profuma, bacia bene, muoviti con confidenza, abbi successo nel lavoro … Sparisci per lunghi periodi … Menti a tutti, su tutto.


Sii il Berlusconi Don Draper!

Pong: l’alleato segreto delle donne

Pong, inventato nel 1972, fu il primo videogioco che creò isteria nelle masse tanto che, si dice, negli Stati Uniti portò addirittura a una momentanea mancanza di monetine. Ora il suo creatore, allora ventenne, sostiene che Pong fu anche uno strumento fondamentale del femminismo perché: “La donna media poteva battere l’uomo medio. E nei bar dove c’era il videogioco si era creato questo sistema per cui era normale che una donna sfidasse un uomo a Pong.” Uhm… magari le femministe di allora non si erano rese conto che invece di sbattersi tanto potevano semplicemente andare a farsi una partita di Pong. Comunque la storia del successo di questo videogioco di culto è divertente e la potete leggere qui.