Sexy provocatrici e zombie

Agente provocatore di nome e di fatto. Il famoso marchio di lingerie Agent Provocateur lancia il nuovo spot per la linea “Fleurs du Mal” e si mette in gioco senza esclusione di colpi. Il regista Justin Anderson, stella della moda, ha realizzato un mix ironico di ammiccamento erotico e horror. Sembra proprio che gli zombie si accompagnino bene a tutto, anche all’impensabile, un po’ sulla scia di Orgoglio e Pregiudizio e Zombie, il romanzo di Jane Austen rivisitato da Seth Grahame-Smith.

Enjoy.

Razor Sisters per il sociale: ottobre, tempo di revisionarci le tette.

In questo mese si ribadisce il concetto che anche noi donne dovremmo dedicarci molto più spesso alla vera cura delle nostre tette. Diamogli più di un’occhiata, tocchiamole, palpiamole e magari sottoponiamole ad una visitina, per esempio chiamando all’800.998877 il numero verde attivato dalla  LILT, Lega Italiana Lotta Tumori. Il link al sito con tutte le info utili lo trovate qui.

Tutti i ragazzi in classe le hanno già controllate. Dovresti farlo anche tu.

 

Pubblicato in Senza categoria | Rispondi

Boys&girls

Esce oggi nelle sale “Tomboy”,  il film della regista francese Céline Sciamma, classe 1978, che si è aggiudicato il Teddy Award all’Ultimo Festival di Berlino e i premi del pubblico e della giuria al 26° Torino GLBT Festival. Un racconto diverso dell’infanzia e della prima adolescenza, attraverso il tema dell’identità sessuale e del genere. Laure, 10 anni, cambia quartiere e con i nuovi amici si finge maschio in un crescendo venato di suspence e di magia fino all’epilogo e allo scontro con la realtà. La marcia in più di Tomboy (maschiaccio in inglese) è quella di farci osservare il mondo attraverso gli occhi della protagonista, della sorellina e dei loro amici. Un mondo in cui tutto può essere, in cui l’identità sessuale non è decisa ma è una potenzialità, un gioco tra le pieghe della realtà. Con parti uguali di sensibilità e di leggerezza ci riporta al momento della nostra infanzia quando abbiamo sentito esattamente la stessa cosa. Come abbiamo potuto dimenticarlo? E poi: dove finiscono le convenzioni e iniziano i desideri? Il mondo e le regole dei grandi rimangono fuori mentre Laure gioca a calcio maschio tra i maschi o corrisponde Lisa che si innamora di lui/lei perché ha qualcosa di diverso dagli altri bambini. “L’infanzia è spesso dipinta come un’età dell’innocenza”, afferma la regista, “ma io credo che sia una stagione della vita piena di sensualità e emozioni ambigue.” Che più candide e condivisibili non potrebbero essere, aggiungiamo noi. Tomboy, girato in 20 giorni, brilla anche grazie ai protagonisti e alla chimica tra di loro (volutamente cercata dalla Sciamma tanto che per interpretare gli amici di Laure si sono scelti gli amici veri della giovane e perfetta attrice). Trovare un buon film ultimamente è davvero un’impresa ardua, questo fate in modo di non perderlo.

Pubblicato in Senza categoria | Rispondi