Convertiamoci!


Questo blog è dichiaratamente gay-friendly, il che non significa solo che chi scrive ha tanti amici omosessuali e che questi siano la migliore compagnia in caso di scorribande gastronomico-fashioniste (e non solo). Ciò significa anche che in questo blog si parla di omosessualità, di diritti e soprattutto di quelle notizie che spesso non hanno la rilevanza che dovrebbero in questo paese tutto sommato omofobo. È solo di qualche ora fa la notizia che il primo ministro kenyota Raila Odinga ha disposto che “se scoperti, gli omosessuali dovranno essere arrestati e condotti davanti alle autorità competenti”. Lo ha detto durante un comizio sabato scorso. Secondo il premier, il loro comportamento è “innaturale”. Il Kenya è uno dei 38 paesi africani in cui l’omosessualità viene considerata un crimine perseguibile dalla legge. Pena: il carcere.

Questa notizia mi ha fatto pensare ad una teoria che non conoscevo fino a poco tempo fa e ad un video che ho visto di recente.

La teoria, da brividi e dal sapore di antri e ampolle di lombrosiana memoria, è detta terapia di conversione (o terapia di riorientamento sessuale) e non a caso: è un metodo indirizzato a cambiare l’  orientamento sessualedi una persona dall’ omosessualità originaria all’eterosessualità, oppure ad eliminare o quantomeno ridurre i suoi desideri e comportamenti omosessuali. Sono state tentate diverse tecniche, incluse modificazione del comportamento, psicoanalisi e terapie religiose. Infatti, la terapia di conversione è strettamente associata con il movimento degli ex-gay il quale presenta una componente religiosa più spiccata: eccone spiegata anche la funzionale dicitura prevalente (sarà un caso che in Kenya l’appartenenza religiosa è la seguente: anglicani e quaccheri 45%, cattolici 35%, musulmani 11%, religioni tradizionali 9%?).

In ogni caso, senza perdersi d’animo (e sdrammatizzando anche quello che difficilmente ci fa sorridere) proponiamo di vedere questo video in cui il messaggio “evangelico” è abbastanza incisivo e la terapia di conversione proposta è la seguente:

2 pensieri su “Convertiamoci!

  1. Le teorie di cui parli si chiamano in gergo tecnico “teorie riparative”, cioè che pongono rimedio, riparano, il guasto causato dalla omosessualità… se fai un giro su internet troverai tante “cliniche” specializzate in questo settore anche in Italia, purtroppo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...