Il matrimonio rende (soprattutto se è virale)

Vero fenomeno in esplosione, dal 19 luglio gira  in rete a manetta questo “Jill and Kevin big day”, il video di un matrimonio originale in cui la sposa, lo sposo e tutti i testimoni fanno la loro entrata ballando sulle note R’n’B di “Forever” di Chris Brown che, ironia della sorte, sarebbe quello che ha pestato Rihanna.

Il balletto ha una tale carica positiva, sorprendente e genuinamente buffa che ad oggi è stato visto più di 12 milioni di volte. Tanto che Youtube, dove era stato inizialmente caricato, lo ha usato come esempio principe per convincere gli investitori a non puntare su video confezionati come virali ma su quelli, user generated, che lo diventano sul campo.

Qui le cifre che il video ha creato, per esempio, nel caso della canzone di Chris Brown che è schizzata in alto nelle classifiche di iTunes. A proposito, non è che il ragazzo avesse bisogno di un po’ pubblicità positiva? E non sarà anche per questo che la gente si sta ancora chiedendo se il video non era pensato fin dall’inizio come virale?

Nel dubbio intanto Jill e Kevin, i due sposini ballerini, chiedono donazioni benefiche qui mentre il grande successo del loro video ha dato il via ad un sequel, questa volta prodotto professionalmente e dedicato al loro divorzio.

Non so come stiano veramente le cose. So solo che lui aveva già capito qualche tempo fa le potenzialità esilaranti di un balletto inaspettato.

Professione stalker

Mi perseguita.

Me lo ritrovo davanti a tutte le ore.

Quando penso che abbia smesso e  finalmente tiro il fiato… riappare!

Implacabile.

E’ in momenti come questi che penso che non me ne libererò mai.

Che ansia ‘sto nuovo spot per la campagna ministeriale contro lo stalking!

In mancanza dello spot originale e anche per non ammorbare nuovamente tutti voi vi propongo un altro scottante documento.

Attenzione: il pericolo stalker può arrivare dai più insospettabili.

P.S. Qui, se proprio lo volete, se non avete mai acceso la TV o se non vivete in Italia, potete trovare il video e le info della campagna anti stalking.

Ma che bel gioco!

Le signore sulla pedana che trema

Le signore sulla pedana che trema

A metà tra il Tagadà del lunapark, la pedana vibrante in palestra e una più ampia visione di  società dello spettacolo di derbordiana memoria le first ladies all’Aquila hanno provato il brivido del terremoto su questo simulatore qui, allestito nella caserma di Coppito.

Non tanto contento il comitato cittadino 3e32 che invita i grandi della Terra a provare anche il brivido delle tendopoli. Sul loro sito gli slogan più belli: da “yes, we camp” alle “last ladies”.