I gadget del potere

Non c’è limite all’ingiustizia nella nostra società. I capi di stato del G20, presenti al summit che sta per accadere a Londra, oltre a essere quelli che comandano le sorti del pianeta a fine lavori riceveranno una goodie bag, una busta di gadget tipo bomboniera a un matrimonio.

Gordon Brown ha preparato per ciascuno alcuni esempi del migliore e più classico made in England. Oltre a una tovaglietta da té in lino dell’Ulster e alcuni cioccolatini Rococo, ogni pezzo grosso avrà una cravatta esclusiva confezionata da uno dei migliori sarti di Savile Row: Ozwald Boateng, Timothy Everest o Richard James.

Qui si presenta l’ulteriore ingiustizia. E Angela Merkel? Eh? Che se ne fa Angela Merkel di una cravatta?  All’età sua, col lavoro che fa, vi aspettate che dia al suo look una svolta lesbian-chic? Bastardi maschilisti.

Il sarto Oswald Boateng sarà stato scelto per il talento o per il politically correct?

Il sarto Oswald Boateng sarà stato scelto per il talento o per il politically correct?

Un’altra ideona che ha avuto qualcun altro

MyLittleSkeletor

Oh Mio Dio.

Ancora un giocattolo di-quando-eravamo-piccole-noi torna alla ribalta dopo un restyling ironico-cool.

Gli agghiaccianti MioMiniPony sono finiti nelle mani dell’artista, o meglio studentessa di arte, finlandese Mari Kasurinen che li ha fusi con ulteriori icone del cinema e della tv per creare i mostri che potete vedere cliccando sul suo nome.

Nella foto, il MyLittle Skeletor, della serie Masters.

Evidentemente siamo arrivati al meta-revival: un’icona degli anno 80 non basta, ce ne deve essere una dentro l’altra.

Troppo facile.

Anche oggi uno stagista verrà licenziato. Nello specifico, quello della rivista Complex che doveva caricare sul sito la foto di Kim Kardashian.

Per chi di voi ancora avesse una vita e non l’abbonamento a Diva&Donna, riassumo la biografia di quest’astro nascente della tv: figlia dell’avvocato di O.J. Simpson, di origini armeno-scozzesi – cui si deve il coté un filino sopra le righe -, in uno slancio di originalità debutta nello show-biz con un video porno girato dall’ex fidanzato.

Da ieri KK troneggia nelle edicole e fa furore grazie a un altro uomo, lo stagista di Complez, appunto, che, anziché caricare sul sito la stessa foto della copertina, ci ha messo quella pre-photoshop.

Risultato: mentre nelle edicole svetta una venere dagli zigomi prepotenti, tonica e levigata nella sua esotica perfezione (per quanto in una posizione da lussazione istantanea del bacino), sul web spopola l\’immagine di una buzzicozza cellulitica dall’inequivocabile espressione “30 bocca, 50 amore, extra a parte”.

Ripresa dai notoriamente poco ironici giornali italiani la notizia suona più o meno: “Sollievo femminile: anche Kim Kardashian ha la cellulite”.

Mi permetto quindi di rivolgermi ai suddetti poco ironici giornalisti italiani: che una cavalla di 2 metri cresciuta a junk food e cucina armena avesse la cellulite riuscivamo ad immaginarcelo anche da sole.

Il vero sollievo arriverà solo quando una pelle a buccia d’arancia non sarà più considerata notizia che meriti l’homepage del quotidiano online più diffuso in un Paese ben più allo sfascio delle cosce di una starlette sovrappeso.

pop_photoshop1

Debora, getta la maschera


Gira moltissimo sulla rete il video di questa giovane ragazza che, in un intervento molto applaudito all’assemblea dei circoli del PD, sembra cantarle a Franceschini e compagnia bella. Facciamo così la conoscenza di Debora Serracchiani, classe 1970, già ribattezzata la pasionaria di Udine.
Ma l’avete ascoltata bene la Serracchiani? Non vi sono tremati i polsi al sentire quel faccino da adolescente che parla il politichese come un dirigente navigato? Non avete fatto caso che non dice niente di così controcorrente ma che anzi da un colpo al cerchio e uno alla botte salvando capra (Veltroni) e cavoli (Franceschini)? Non solo: un amico segnala qui che un’altra pasionaria aveva fatto capolino anni fa nella stessa modalità.
Sarò anche io una vittima della dietrologia ma ho come l’impressione che quella della giovane pasionaria, facendola poi girare viralmente, sia un’idea come un’altra per smuovere le acque, far vedere che si da spazio ai giovani e, in definitiva, recuperare un po’ di credibilità.
Togliete il cerone a Debora e sotto scoprirete un vecchio dirigente che si presta a questi scherzetti!

Conosci te stessa – versione Razor, parte prima

Avvertenza: la categoria di persone che tende a demonizzare la tv e/o si sente troppo cool per guardarla difficilmente apprezzerà questo post.

Noi umani siamo esseri complessi, dalle molteplici sfaccettature e tonalità caratteriali. Ogni singolo individuo è un universo, non inquadrabile né catalogabile come un oggetto qualsiasi. Insomma una rottura di scatole. Da oggi questo blog inaugura una serie di post che classificano sommariamente il comportamento sentimentale di tutte le persone di sesso femminile, secondo i riferimenti di cultura pop a cui assomigliano di più. Uno di loro, sei tu.

Parte prima – Quale protagonista femminile di serie televisiva sei?

Dana Scully – Sei intelligente, razionale, monoespressiva. Di sicuro non pianterai grane perché il tuo ragazzo ha dimenticato il vostro anniversario ma in compenso non sei particolarmente in grado di apprezzare un gesto romantico. Ad un anello di brillanti preferisci il nuovo iMac. Dietro il tuo distintivo dell’FBI si cela una voglia di darla che la metà basta, ma il tizio se la deve meritare.

Susan Mayer (Desperate Housewives) – Sei una cerbiatta capricciosa e dipendente, del tipo che tiene il muso senza spiegare il perché, visto che se il partner non se ne accorge da solo vuol dire che non merita ulteriori chiarimenti. Usi il sesso come uno strumento di ricatto. Tu metti in cattiva luce l’intero genere femminile.

Buffy – Esci con persone assurde e finisci dentro storie complicate, mentre cerchi di portare a termine le tue missioni, che siano esse uccidere vampiri o uscire viva da una riunione. Ci mancava anche che venissero a criticarti.

Karen Walker (Will & Grace) – Sei la donna dei sogni di qualunque uomo gay e degli incubi di qualunque etero. Completamente fuori dalla grazia di Dio, il tuo vero amore resteranno sempre i Martini fino a che qualcuno non ti manderà all’ospedale con un cuore spezzato.

Sex and the gossip

38314_8_468

E’ di Terry Richardson, il famoso fotografo porno-cool (oddio, detta così non suona bene ma tant’è), la nuova copertina di Rolling Stone U.S.A.

Davanti all’obiettivo le Gossip Girl Blake Lively e Leighton Meester in atteggiamento “suggestivo”.

Cicogna in giarrettiera

jenna_jameson300

L’ex pornostar Jenna Jameson da ieri è neomamma: ha infatti ha dato alla luce i gemellini Jesse e Journey Jett (diamole un po’ di credito, almeno uno dei due nomi é normale…)

Morale della favola: di quanti maschi siano entrati lì dentro è impossibile tenere il conto, ma ora sappiamo esattamente quanti ne sono usciti.