Fase di Isolamento


“Io guardo la tv”: in certi ambienti una frase del genere suona come una confessione al pari di “sono sotto antidepressivi” o “non ho mai finito le superiori”. Soprattutto sui profili dei social netowork, si porta molto scrivere di schifare qualunque immagine esca dal tubo catodico (cielo, come sono antica, intendevo digitale terrestre e altre diavolerie). Be’ questa Razor guarda la tv senza complessi, un po’ perché fa parte del suo lavoro e un po’ perché prima o poi Flavia Vento si mozzerà un dito cercando di aprire un cocco e non esiste perdersi la scena.

Quest’anno L’Isola dei Famosi esercita lo stesso fascino morboso di un incidente stradale, uno sa che è riprovevole fermarsi a guardare ma non riesce a evitare di farlo. Non che ci siano grandi sorprese: come c’era da aspettarsi il transgender Luxuria è lungi dall’essere il fenomeno da baraccone del gruppo, a confronto con le due bionde, la romana di cui sopra e una tale brasiliana, che insieme non arrivano al quoziente intellettivo di un’ape. Belen Rodriguez, invece, non ha bisogno di avere nessun quoziente intellettivo perché è esageratamente gnocca da far spavento. Visto che in quest’edizione c’è anche la squadra della gente comune, si potrebbe proporre alla Rai una serie di spin off, senza prove né vincitori, in cui semplicemente si prende una categoria e la si spedisce molto, molto lontano.

– L’Isola dei Politici, che non sarebbe in questo caso la Sardegna

– L’Isola dei Tassisti, indignati dalla concorrenza dei tronchi galleggianti

– L’Isola degli Ultrà, costretti a insultarsi tramite scritte sulla sabbia

Annunci

5 pensieri su “Fase di Isolamento

  1. E’ verissimo, dire davanti a certe persone che guardi la tv e’ come sventolargli sul muso una puzzola, tutta questione d’apparenza.
    Una mia amica appassionatissima di beautiful e simili su myspace ha scritto, televisione?blaaaaaaaaaa.
    Che i social network possano indurre a sviluppare una doppia personalita?

  2. L’Isola dell’Alitalia, affollata di esuberi che combattono per la sopravvivenza

    L’isola dei maniaci dell’iphone, costretti a vivere in astinenza

    L’isola degli intolleranti al nuovo layout di Facebook, che spostano le palme per ritrovare un disegno originario.

    Alla fine sotto tutti gironi infernali contemporanei….

  3. Beh, guardare la tv non è di certo il massimo del piacere neurologico… magari in Italia un pò sì, dato che si può esercitare con donde una sana cattiveria separatista (dal branco) che consola sì un pò, ma poi muore lì, la sensazione di tempo perso ben ridondante nel faticoso dormiveglia prima del sonno. Ma Susi Cristo, quando si è in una situazione completamente nuova, sebbene sia d’uopo la paura, è un vero peccato rintanarsi in casa di fronte a scampoli del paese natale: se invece uscissi, anche senza meta, t’assicuro (almeno i primi tempi, i migliori per questo) che faresti incontri e ti troveresti in situazioni ben più stimolanti..provare per credere !!!

    Il Barone (grillo parlante) Rosso
    (che predica bene e ruzzola male, ma tu non fare cometuttinoi, tu sei altrove kaiser, goditela !)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...