Come voi mi volete


Non so se la ricordate (dovreste) ma c’è una puntata di Sex and the City in cui la splendida Samantha (n’est pas?) non paga della suo sex appeal, dei suoi addominali e dei suoi vestiti da centinaia di dollari decide di farsi un peeling  esfoliante al viso.

Non so per quale motivo, vista la disponibilità economica e quindi la fama del medico a cui si rivolge, ne esce fuori con la faccia come un pomodoro secco tanto che i bambini per strada si mettono a strillare come matti al suo passaggio.

Mi sono sempre chiesta cosa spinge noi donne a rischiare, letteralmente, la pelle con peeling, cerette dove non andrebbero mai fatte e torture varie, soprattutto in questo periodo quando il corpo si scopre e ci ostiniamo a denudarci dimentiche dei saggi insegnamenti dei beduini del deserto. Me lo sono sempre chiesto e sempre, con un leggero snobismo, ho pensato che non mi sarei mai piegata a certi rituali (perché sono già schiava di altri, ovvio).

Insomma, non avevo mai ceduto al richiamo miracoloso del “4 cm di girocoscia in 4 settimane”, “snellisciti sotto al sole” o “perdi peso continuando a mangiare tutti i giorni al fast food”!!!. Non fino a ieri e per colpa di uno stupido campioncino in forma di bustina trovato in una delle solite “riviste da bagno” (io le leggo prevalentemente al bagno, così come le robe di lavoro, ma per opposti motivi) che io adoro.

Ieri mattina mi sveglio stranamente baldanzosa (in genere sono un carburatore della prima metà del novecento), faccio colazione e mi dirigo verso il bagno dove leggo la rivista e becco il campioncino di “crema lifting glutei“, lo stacco e mi ripropongo di usarlo dopo la doccia. Mi ficco sotto la doccia (e qui si impennano le statistiche del blog) e mi lavo anche i capelli visto che ci sono, calcolando già l’immane ritardo che la pratica dell’asciugatura mi farà fare sul lavoro.

Ne esco profumata e rigenerata e con i pori ben dilatati dal vapore e dal calore della doccia. Mi avvicino beata al campioncino, lo apro e inizio a massaggiarmi sui fianchi e sul sedere questa cosa che puzza di medicinale.

Una sensazione di fresco glaciale pervade la zona e penso che è un bene. Decido quindi di procedere all’asciugatura dei capelli, giusto per alzare un po’ la temperatura. Mentre procedo, il fresco glaciale che sento sul mio popò lascia il posto ad un certo pizzicore, ma non ci faccio poi tanto caso perché, mi dico, il prodotto starà agendo. Continuo con l’asciuga capelli e inizio effettivamente a sentire un po’ troppo caldo quando mi decido di dare un’occhiata e mi sollevo fino a raggiungere l’estremità inferiore dello specchio che mi rimanda una immagine devastante della mia di estremità inferiore: il pomodoro secco che mi ricorda tanto Samantha stampato sul mio sedere. Bruciore, calore ed un eritema degno del sole caraibico preso senza protezione. Ovvio che inizio a farmela sotto pensando ad un imminente shock anafilattico. Mi metto la pinza nei capelli, mi infilo una gonnaccia sintetica che mi sfrega meschina sulla parte, afferro il campioncino maledetto e corro in farmacia dove signore che non hanno tempo di pensare a liftarsi i glutei ordinano vaccini per i figli. Argh.

Risultato:

  1. la dottoressa mi sfotte, me tapina, perché “non ne avevo bisogno” e cmq mi sono beccata una specie di eritema;
  2. arrivo tardi al lavoro e sono costretta a raccontare tutto perché molto più credibile rispetto ad una qualunque invasione di cavallette e mi sfottono pure lì;

Adesso vi chiedo: ma per chi lo facciamo? Per noi stesse o per il pensiero di chi non guarderà il mio sedere in spiaggia (da lì il titolo del post)  perché forse non posso neanche più mettermi al sole?

P.s. Non rispondetemi “è proprio il caso di dirlo: che culo”! (sono abituata a prevedere le mosse del nemico)

Annunci

8 pensieri su “Come voi mi volete

  1. ha,ha,ha, sei uno spacco!Dai lo hai raccontato anche al lavoro, nooo…tram e metrò intasati?
    Sì è vecchia anche questa, ho sentito di eritemi presi anche con le creme antirughe ed IDRATANTI. Per fortuna io vado sul sicuro ma la cuiosità del campioncino l’abbiamo tutte.
    Certo mangiare tutti i giorni al fast food e dimagrire è un sogno pari all’eterna giovinezza…”che si fugge tuttavia”;
    lo facciamo per noi,per la competizione con le altre, per la vanità femminile di essere ammirate e desiderate, per la corsa contro il tempo,perchè viviamo in società dominata dall’immagine,(e il mito ed il culto del bello è sempre esistito),(solo che ora… che palle!).
    Perchè accettare la nostra natura caduca è una cosa che la nostra intelligenza umana non sa fare.
    P.S. Spero non arrivino i saggi dell’ultima ora a dire” io mi accetto così come sono, sono contenta di me e bla,bla”.
    Siamo contente anche noi solo che vogliamo di più!

  2. cazzo…una sana alimentazione e un pò di movimento no eh…!?…

    la chimica può accelerare i tempi ma le aziende non se ne sbattono una mazza del povero sederino intollerante…

    anche le anfetamine tengono apparentemente in forma accelerando il metabolismo e diminuendo la sensazione di appetito…

    ma questo non ne giustifica l’assunzione…e sopratutto non ne elimina gli effetti collaterali…

  3. Sono d’accordo con la dottoressa… e comunque, se è vero che qualunque immagine che la realtà rimanda ai nostri occhi è vista attraverso il nostro stato mentale, dovresti riflettere a lungo sul tuo stato mentale se ti ostini a voler trasformare il tuo sedere in un pomodoro avvizzito.

  4. “la cosa della sana alimentazione e un pò di movimento” mi fa anche sorridere però, perchè se bastasse questo non saremmo qui a parlarne e a farci venire gli eritemi. (anche solo nell’incavo del gomito)
    Checcavolo, quanto soffriamo però per sembrare degli ovetti sodi scintillanti.

  5. cacchio…invece io da buon chimico…rido delle sostanze velenose e cancerogene che qualcuno riesce a piazzare con tanto successo…

    lo stile di vita è determinante da sempre…ovvio che più tardi si inizia…peggio è…meno si raddrizza la situazione…

    l’alimentazione e l’attività fisica bastano e avanzano…se non ci bastano significa che l’aspetto patologico-ossessivo ha prevalso…

    e sarà continua e permanente insoddifazione…e irritazione…

    l’archetipo del gregge ci spinge a imitare e a copiare…anche quel che non si può…

  6. Essere indifferenti allo sguardo dell’altro è impresa che travalica i limiti dell’umano… e allora ognuno di noi tenta in tutti i modi di definirsi in conformità ad un modello, al gusto del tempo, alla moneta in corso. Quello che mi viene da pensare è che impegnati follemente nell’inutile sforzo della ricerca di conformi perfezioni estetiche e non etiche, la maggior parte di noi ignora o trascura la bellezza più sottile che è nell’imperfezione del nostro essere difformi. Parafrasando nn mi ricordo chi, guardandoci allo specchio dovremmo ripeterci che la perfezione (?) è montona, mentre la ricerca di armonie nascoste nell’imperfezione è più avvincente e appassionante.

  7. Le donne che ci propongono come modello di bellezza non hanno autostima. Gente che non può permettersi di essere gonfia, si chiede depressa dove andrà a finire quella barretta ed è disposta ad ammazzarsi di ceretta e tacchi. Gente che mostra tette e chiappe a più non posso perchè vuole essere sexy.
    E ovvio che se uno cerca di imitarle si perde nel labirinto dell’ossessione perchè diventare belle non coincide con il prendersi cura di sè.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...