Non è un paese per single – 1


carnaval lonely

Comitiva di single in Brasile         Donna single in Italia

Premessa:

questa Sister che vi scrive è di nazionalità italiana. In questo paese è nata, vota e paga le tasse. Dai 13 ai 26 anni, però, ha vissuto da tutt’altra parte, in Brasile. Estremo sud del Brasile, per motivi familiari vari. La fase dai 13 ai 26 è proprio quella di formazione sentimentale. Tutta quella parte del suo essere è venuta su decisamente oge-ge oge-ge.

Quando si tratta di relazioni non tutto il mondo è paese.

In Brasile, lo scopo dell’esistenza di tutti, ricchi o poveri, belli o brutti, è divertirsi il più possibile. Stare in coppia non è divertente. Vai a letto con una sola persona (o almeno dovresti), ti devi giustificare continuamente, devi dare spiegazioni e i tuoi programmi per il weekend non variano molto. La pubblicità, i sogni di consumo, gli svaghi in generale sono rivolti al pubblico che folleggia e va in giro.

In Italia, osservandovi da italiena, noto che la cultura delle relazioni è centrata sul romanticismo e, prima o poi, sulla costruzione di una famiglia. Somebody to love. Qualcuno che ti tenga per mano e ti mandi sms con le frasi dei cioccolatini. Si esce in coppia, si viaggia in coppia, ci si diverte in coppia. La pubblicità, i sogni di consumo, gli svaghi in generale sono rivolti al pubblico che ha trovato una dolce metà.

Indi:

Italia = ti diverti di più in coppia, essere single è triste

Brasile = ti diverti di più da single, essere in coppia è noioso

Indi:

l’approccio ai rapporti uomo-donna è completamente diverso. Di conseguenza lo sono anche gli incontri e appuntamenti vari.

— Nella prossima puntata, i dubbi e perplessità di quando ero appena rientrata nel Bel Paese.

3 pensieri su “Non è un paese per single – 1

  1. Ehi, ma quella… sì, sembra proprio lei Eleanor!
    Sola e senza volto poichè le rappresenta tutte.
    Io che sono felicemente in coppia, anche se atipicamente, concordo in pieno con quanto hai scritto. Conosco donne che si sentono sole ,e tali sono definite,perchè così le riduce la nostra society. Lo trovo di una crudeltà aberrante. Quando 3, 4 amiche escono da “sole” per divertirsi si sentono dire “Siete da sole ragazze?” e giù con i molliconi del locale cui l’idea che delle donne vogliano passare una serata femminile non lambisce nemmeno lontanamente il loro cervello. 3, 4 amici maschi invece sono in comitiva, ma và………

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...