Mel Brooks for president


 

Teoria di oggi.

Esistono situazioni, pubbliche o private, piccole o grandi, che fin dall’inizio presentano analogie con un determinato film. Più la faccenda va avanti, più crescono le similitudini, i personaggi s’incastrano alla perfezione e le battute calzano a pennello.

Prendiamo, per esempio, le elezioni italiane 2008, che dal primo giorno sono state all’insegna di Frankenstein Jr.

Il motto del nostro paese, già da qualche anno, non può essere che uno: “Quale gobba?”.

Al che il grido di guerra di Uolter rimbomba viscerale: “Si può fare” (sic).

Arriva lei, l’unica e inimitabile, la Divina: Frau Daniela Blücher Santanchè (nitriti in lontananza).

Per finire il risultato: Silvio ululà con Bossi La Creatura ma “Poteva andare peggio, poteva piovere”. Indovinate che tempo fa?

Un pensiero su “Mel Brooks for president

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...